Oltre 300.000 contadini hanno messo sotto assedio la capitale dell’India

  • 2 12 2020
Oltre 300.000 contadini hanno messo sotto assedio la capitale dell'India

In una potente contestazione alle tre leggi agricole pro-capitaliste di Narendra Modi, centinaia di migliaia di contadini hanno viaggiato da tutta l’India per protestare a New Delhi e ne hanno bloccato le arterie principali.


Per mesi, i contadini di tutta l’India hanno protestato contro tre nuove leggi a favore del mercato approvate dal governo di Narendra Modi – una lotta che si sta sempre più intensificando. In un sorprendente rimprovero alle crescenti misure di privatizzazione di Modi, oltre 300.000 contadini, con il sostegno dei lavoratori e dei movimenti sociali, hanno aumentato le pressioni su Delhi per il ritiro di queste leggi.

Passate dal parlamento indiano a settembre, queste leggi permetteranno ai contadini di vendere i loro prodotti direttamente ad acquirenti privati invece che al mercato regolamentato dallo Stato e permetteranno ai contadini di stipulare un contratto legale con le aziende prima di pianificare il loro raccolto. La legge permetterebbe anche l’accaparramento di grano alimentare fino a quando non si ottengono prezzi migliori, una mossa che fino a questo momento era illegale. Questo è l’ennesimo palese tentativo del regime Modi di ulteriori privatizzazioni in India e di aumentare i profitti capitalistici. Chiamate le “leggi nere” dagli agricoltori, queste misure porteranno all’aziendalizzazione del settore agricolo e gli agricoltori saranno lasciati alla mercé delle grandi aziende agralimentari che avranno un miglior potere contrattuale.

Prima di questa misura, gli agricoltori vendevano i loro prodotti agli intermediari dell’APMC (Agriculture Produce Marketing Committee) mandis, un mercato regolamentato dal governo, sotto un prezzo minimo di sostegno (MSP). Questi intermediari vendevano poi i prodotti a imprese statali o private. Tramite l’APMC mandis, lo Stato riscuoterebbe anche le tasse su ogni transazione. Mentre il sistema mandi era tutt’altro che perfetto e necessitava di una riconfigurazione, queste nuove leggi de-regolamentavano e aprivano questo settore chiave e centralizzato al libero mercato. Prima di queste misure, ai contadini veniva garantito un prezzo minimo per i loro prodotti e un mercato accessibile dove poter vendere regolarmente le loro merci, senza doversi accollare i costi aggiuntivi per lo stoccaggio delle merci – un costo che sarebbe stato elevato per i piccoli contadini. Ora gli agricoltori e i contadini saranno alla mercé di gigantesche corporazioni, che avranno un miglior potere contrattuale e detteranno i prezzi e le condizioni contrattuali.

Queste misure arrivano in un momento in cui i contadini chiedono da anni sollievo allo Stato. Anche se ammonta a “solo” il 17% del PIL dell’India, il settore agricolo impiega la metà degli 1,3 miliardi di persone del paese. La maggior parte di questi lavoratori vive di piccoli appezzamenti di terreno ed è gravata da debiti. Per anni, gli agricoltori sono stati spinti ancora di più nella povertà dai fallimenti dei raccolti a causa del cambiamento climatico e del calo dei prezzi dei prodotti. Incapaci di far quadrare i conti o di pagare i debiti crescenti, molti contadini ogni anno ricorrono a togliersi la vita. Ora, ignorando le richieste di maggiori minimi garantiti sui PSM e di condono incondizionato del debito, il governo guidato da Modi ha l’audacia di dipingere queste predatorie misure di privatizzazione come “sollievo”.

Nel suo discorso radiofonico mensile, Modi ha negato ogni doppiezza e ha continuato a difendere queste misure, dipingendole come liberatorie. “Queste riforme non solo hanno rotto le catene dei contadini”, ha detto, “ma hanno anche dato loro nuovi diritti e nuove opportunità”. In realtà, le catene sono semplicemente di un altro tipo – e sono più strette che mai.

I contadini marciano su Delhi

Le proteste degli agricoltori contro le tre leggi sono iniziate già nell’agosto di quest’anno, ma si sono intensificate da quando sono state approvate in Parlamento a settembre. I sindacati agricoli hanno chiesto uno sciopero a settembre, con proteste che hanno fatto chiudere importanti Stati agricoli come il Punjab e l’Haryana. All’inizio di novembre, gli agricoltori di oltre 20 stati hanno partecipato a proteste coordinate, mettendo blocchi sulle strade e autostrade principali in oltre 5.000 luoghi diversi.

Questo è stato solo un precursore degli eventi che si stanno svolgendo, dove centinaia di migliaia di contadini, nella campagna di Delhi Chalo (“andiamo a Delhi”), stanno marciando su Delhi per manifestare fuori dal Parlamento. Con un diffuso sostegno popolare e viaggiando con trattori e camion, molti di loro sono arrivati a Delhi giovedì scorso, quando 250 milioni di lavoratori in tutto il paese hanno organizzato uno sciopero generale contro le leggi antioperaie e pro-societarie di Modi, e hanno fatto chiudere gran parte del paese. Migliaia di contadini che sono entrati a Nuova Delhi hanno subito una brutale repressione da parte della polizia, che ha attaccato violentemente e usato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua sui manifestanti.

I manifestanti, tuttavia, non si sono tirati indietro. Infrangendo le barricate della polizia, i contadini che protestavano stanno ora bloccando alcuni dei principali confini e delle strade che portano a Delhi. Al confine con lo stato dell’Haryana, per esempio, i contadini hanno bloccato l’autostrada per giorni e giorni, rifiutando di spostarsi sul terreno designato offerto dal governo. Nei giorni successivi, altre autostrade di questo tipo sono state chiuse dai contadini, mentre altri contadini che protestano si recano nella capitale da tutto il paese, percorrendo migliaia di chilometri per questa escalation. Insieme, hanno minacciato di bloccare le strade per Delhi in cinque punti chiave. Il ministro dell’Unione, Amit Shah, in mezzo alle crescenti proteste, si è offerto di incontrare i contadini per discutere la questione, se si fossero trasferiti al Burari park, il luogo designato per la protesta. I contadini, da allora, hanno declinato l’offerta, rimproverando le precondizioni poste dallo Stato che destabilizzerebbero l’attuale pressione che stanno esercitando.

Inoltre, il partito al potere Bharatiya Janata Party (BJP), il partito di Narendra Modi, continua a tentare di dipingere le proteste come “anti-nazionali” – il loro soprannome preferito da chi non è d’accordo con le loro decisioni. Invece di mettere l’opinione pubblica contro di loro, però, le proteste hanno solo guadagnato un ampio sostegno in tutto il paese tra i lavoratori e i movimenti sociali, che continuano a mostrare solidarietà con le persone che vedono nutrire il Paese. Oltre 500 sindacati di contadini hanno dichiarato il loro sostegno all’azione in corso. In mezzo allo sciopero generale del 26 novembre, gruppi di lavoratori e movimenti sociali hanno organizzato blocchi stradali a Mumbai, uno dei principali centri economici del paese, per protestare contro le leggi sul lavoro e le leggi agricole di Modi. Durante lo sciopero, i sindacati, oltre a lottare per la loro lista di richieste, hanno diffuso messaggi di solidarietà con le lotte dei contadini. Tutti i khaps (organizzazioni della comunità locale) della vicina Haryana hanno dichiarato all’unanimità il loro sostegno alla protesta e andranno a Delhi per sostenere il movimento. Alcune delle donne che l’anno scorso hanno partecipato a un’occupazione di mesi nel quartiere Shaheen Bagh di Delhi, bloccando un’importante via di trasporto per protestare contro il Citizenship Amendment Act (un atto che discrimina i musulmani senza documenti e pone le basi per una cittadinanza basata sulla religione), hanno anche visitato gli accampamenti dei contadini per mostrare solidarietà e sostegno. Uno dei volti delle proteste di Shaheen Bagh, l’ottuagenario Bilkis Bano, è stato arrestato ieri per la sua partecipazione alle proteste. Il movimento sociale e le organizzazioni comunitarie di tutto il paese si sono riversate a sostegno delle migliaia di persone che si preparano ad affrontare la città.

Verso lo sciopero generale, ancora una volta

Lo sciopero generale del 26 novembre, indetto da 10 sindacati centrali e da oltre 250 organizzazioni di agricoltori, è stato probabilmente il più grande del mondo. Oltre 200 milioni di lavoratori in settori strategici come l’acciaio, l’industria mineraria, le telecomunicazioni, i trasporti e le banche sono scesi in sciopero, paralizzando il paese. Questo ha coinciso con l’arrivo di migliaia di contadini a Delhi, dove da allora hanno preso le strade e i confini principali. Lo sciopero ha mostrato la forza delle masse e la posizione strategica e l’immenso potere che i lavoratori detengono.

Ma uno sciopero di un solo giorno non è sufficiente. Le attuali proteste dei contadini sono state una delle maggiori sfide per il regime dei Modi. Anche se il governo del BJP detiene una salda maggioranza nelle sedi del governo, queste proteste hanno messo profondamente in discussione la loro capacità di governare impunemente. Per vincere in modo decisivo non solo le richieste sollevate dai contadini, ma anche per ottenere importanti guadagni per tutte le masse in difficoltà del paese contro la classe capitalista, è imperativo che i lavoratori si uniscano a questa lotta con le masse contadine. I lavoratori devono andare oltre i limiti imposti loro dai leader riformisti e stalinisti delle più grandi burocrazie sindacali (come il Centro dei sindacati indiani, il Congresso sindacale pan-indiano e il Congresso sindacale nazionale indiano) e combattere al fianco delle centinaia e migliaia di contadini con lo strumento più forte nel loro arsenale: lo sciopero.

I contadini devono sapere che la bandiera rossa che è stata innalzata nelle città è la bandiera della lotta per le esigenze immediate e vitali – disse Lenin nel 1905 – non solo dei lavoratori industriali e agricoli, ma anche dei milioni e decine di milioni di piccoli coltivatori della terra.

Sou Mi

Traduzione da Left Voice

Souirce: https://www.lavocedellelotte.it/2020/12/02/oltre-300-000-contadini-hanno-messo-sotto-assedio-la-capitale-dellindia/

  • 863